PRONTO ESTATE BLOG

Spilinga: la grotta della Madonna delle Fonti e l'antico acquedotto

Alla scoperta della città della 'nduja: Spilinga

Santuario Madonna delle Fonti

Spilinga è conosciuta principalmente per un prodotto tipico della Calabria, inimitabile per il suo sapore particolare e l’intenso profumo: la ‘nduja.

Ma la città di Spilinga nasconde altri tesori. Infatti è proprio qui che si trova la Grotta della Madonna delle Fonti.

Il santuario è sito in una zona lontana dal paese, immersa nel verde e in un’atmosfera magica, quasi mistica.

Accanto alla cappella mariana, scavata nella roccia, ci sono una fonte e una piscina, al cui centro si erge la statua della Madonna.

Tutto intorno vi sono altre grotte, quasi tutte naturali, testimonianza della storia di Spilinga e della presenza basiliana e di romiti eremitici nella nostra Calabria.

Secondo gli storici, infatti, il toponimo Spilinga derva dal greco “Spelunga”, che significa grotta; oppure da “Spelaion-ghe” ossia terra ricca di grotte; o ancora da “Spelinka”, caverna.

A pochi km da Spilinga i segni della storia si ritrovano nella  chiesetta di San Michele circondata da un antico acquedotto ottocentesco ad archi, in pietra da taglio, che richiama gli antichi acquedotti romani.

 

Condividi su
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Versione cartacea di PRONTO ESTATE
HAI UNA STRUTTURA E VUOI COMPARIRE QUI SU PRONTOESTATE? CONTATTA UN NOSTRO AGENTE