PRONTO ESTATE BLOG

Mata e Grifone: l'antica tradizione dei Giganti

Le due figure eleganti e sinuose sono conosciute semplicemente con il nome di Giganti.

Il ballo dei giganti Mata e Grifone

Durante le numerose festività che si succedono nel territorio vibonese, non è raro imbattersi in due imponenti pupazzi di cartapesta che ballano la caricatumbula al ritmo dei tamburi.

Le due figure eleganti e sinuose sono conosciute semplicemente con il nome di Giganti.

 

In realtà, l’uomo e la donna che danzano un corteggiamento primordiale sono protagonisti di un amore antico che trae origine dalla tradizione spagnola e richiama la dominazione aragonese del sud Italia.

Ancora oggi, infatti, sono molte le manifestazioni iberiche, e in particolare catalane, in cui sono presenti le figure dei Giganti.

 

Mata e Grifone - questo il nome degli innamorati - rappresentano rispettivamente una regina autoctona e un principe turco. Secondo la leggenda, quest’ultimo, innamoratosi della bella indigena, decise di rapirla per soddisfare il proprio desiderio ardente.

 

Nella tradizione calabro-sicula i Giganti rappresentano anche i fondatori della città di Messina e sono presenti soprattutto in alcune zone del reggino e del vibonese.

 

Nell’immaginario collettivo, inoltre, la figura del principe saraceno rappresenta la dominazione araba che nel corso dei secoli assoggettò le coste della Calabria e subì una fondamentale sconfitta nella battaglia di Lepanto del 1571, alla quale presero parte anche 1200 tropeani guidati dal capitano Gaspare Toraldo.

Condividi su
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
Versione cartacea di PRONTO ESTATE
HAI UNA STRUTTURA E VUOI COMPARIRE QUI SU PRONTOESTATE? CONTATTA UN NOSTRO AGENTE